Navigation – Plan du site
Annuaire de sites
Véronique Ginouvès

La memoria digitale della Sardegna

Notice créée le 07/02/2010, Notice révisée le 18/12/2010
la-memoria-digitale-della-sardegna

La bibliothèque numérique de la Sardaigne (Digital Library della Regione Sardegna) propose des millers de ressources documentaires liés à la Sardaigne. Un formulaire de recherche rapide vous permet de retrouver les documents. Vous pouvez également faire des recherches par champ (titre auteur, lieu, éditeur) ou par type de document (textes, films, images, enregistrements sonores et vidéos). Il est possible de feuilleter le site par thèmes : environnement et territoire, archéologie, architecture, art, artisanat, économie et société, cartographie, oenologie et gastronomie, évènements, flore et faune, littérature, lieux de culture, spectacle, histoire et tradition.  Enfin vous pouvez déplacer à travers les collections et les fonds présentés : la collection cartographique (176 cartes en ligne ainsi de nombreuses cartes aériennes), la collection Luigi Cocco, la collection Colombinin (photographies de 1905), le fonds Bentzon (photographies des années 1960), le fonds Costa (photographies des années 1930), le fonds Pili (photographies du début du 20e siècle), le fonds Pirari (photographies du début du siècle de la région d'Oliena), la collecte Ilisso (2367 photographies) et le fonds de la bilbiothèque régionale de Sardaigne.

Les documents mis en ligne sont diffusés sous licence Creative Commons. Le site a été réalisé dans le cadre d'un financement européen. Il est en langue italienne.

Derniers articles

S’abonner à ce flux
  • > Una storia da non dimenticare

    Il filmato presenta una ricostruzione della biografia di Giuseppe Vincenzo De Arca, nato a Sorgono nel 1807 e morto a Cagliari nel 1878 all'età di 71 anni. Giudice della corte d'appello di Cagliari, durante la sua vita acquisì terreni e molti altri beni che, poco prima della sua morte, cedette al comune di Sorgono. Questa cessione venne vincolata dalla clausola secondo cui con la rendita ottenuta dai terreni il comune avrebbe dovuto erigere un asilo infantile destinato a essere diretto dalle ...

  • > I giorni di Lollove

    le riprese raccontano di Lollove, una piccola frazione di Nuoro che conta 35 abitanti. Lollove Non ha un medico e l'acqua corrente non è potabile. Non c'è ufficio postale. Non ci sono scuole. Non c'è posto di polizia. Non esistono negozi e bar. Funziona un posto telefonico pubblico. C'è una chiesa ma non un prete. L'assistenza spirituale è garantita solo la domenica da un sacerdote che viene da Nuoro. Un autobus la collega al capoluogo con due corse giornaliere, ed è proprio questo autobus ch...

  • > Il pane dei pastori

    In questo documentario il regista approfondisce il tema della panificazione, un vero e proprio rito collettivo, mostrando tutte le fasi di lavorazione del pane carasau.Le riprese del documentario sono state effettuate nell’autunno del 1962 in varie località della Barbagia (Fonni, Gavoi), ma soprattutto a Oliena, dove si è girato l’intero ciclo della lavorazione del pane carasau.

  • > Pro Sardigna - Tonara

    Il programma televisivo Pro Sardigna, edito da Sardegna TV S.r.l, propone un viaggio itinerante nei paesi e nelle cittadine più suggestive e interessanti della Sardegna. Attraverso le voci dei suoi abitanti e dei suoi protagonisti, Pro Sardigna accompagna il fruitore lungo un percorso storico, antropologico e culturale che dispiega il ventaglio completo degli aspetti più interessanti dell'Isola. Il filmato proposto racconta il paese di Tonara, la sua storia e il suo patrimonio culturale.

  • > Alla scoperta degli antichi mestieri, Austis

    Il filmato si apre con l'immagine dell'affascinante roccia di "sa cabrarissa" presente nel'agro di Austis, cui seguono quelle della maschera tipica del carnevale e del ballo. Le movenze della danza hanno come sfondo un'abitazione tradizionale. Seguono le antiche costruzioni del paese e in tale contesto, un esperto illustra e mostra, in modo pratico, i vari procedimenti che venivano adottati per la produzione del carbone: si mostra una carbonaia in funzione ad uso didattico, segue la prep...

  • > Lei: San Marco

    La festa di San Marco è la più importante di Lei, paese del Marghine nella Sardegna centrale. Ogni anno i fedeli accompagnano il santo in processione, fino alla chiesa campestre, guidati dalla confraternita e dal sacerdote. Portano fra le mani i tipici pani di san Marco, pane fatto di semola e decorato finemente con fiori, uccellini e nastri. Durante la messa si benedicono i pani e, in seguito, balli e canti tradizionali introducono i festeggiamenti civili. Al rosario e alla veglia notturna s...

  • > Radio Brada - La radio nel 1943

    Dal coinvolgimento di pochi uomini e con l'aiuto di una strumentazione vetusta, nella temperie di una guerra feroce, nasce l'avventura a forte impatto sociale e civile di Radio Brada che, prendendo su di se la voglia di comunicare e la sete di libertà di un paese messo in ginocchio dalla guerra, riuscirà a creare la radio dei Sardi. Anni difficili e travagliati, fra il privato e il pubblico, rievocati da Francesco Cossiga in un'intervista esclusiva.

  • > Il libro di Seneghe: Flavio Soriga

    Il filmato presenta la rassegna seneghese “settembre dei poeti” giunta alla quarta edizione, attraverso le immagini più significative e l'intervista al direttore artistico Flavio Soriga con il quale si parla a tutto campo di linguaggi poetici, di cultura identitaria e dell'apertura della Sardegna ai più vari contesti internazionali

  • > Redentore Nuoro 1958

    Il filmato presenta alcune scene della festa del Redentore. Si parte dalla statua del Cristo sul monte Ortobene, quindi su una panoramica di Nuoro. I festeggiamenti iniziano con la processione che dalla cattedrale di Santa Maria della Neve si snoda lungo le principali strade del centro storico. Alla cerimonia partecipano numerosi devoti provenienti – come testimoniano gli abiti tradizionali – da diverse parti dell’isola. La giornata si conclude con i balli tradizionali (riconoscibile il ballu...

  • > Candelieri a Sassari

    Di origine medioevale, è la festa più sentita dai sassaresi, i componenti delle antiche corporazioni, nei tradizionali costumi spagnoleschi portano in processione pesanti ceri, facendoli quasi danzare.

Pour citer cet article

Référence électronique

Véronique Ginouvès, « La memoria digitale della Sardegna », Aldébaran, Collections numériques, [En ligne], mis en ligne le 07 février 2010 17h51. URL : http://aldebaran.revues.org/6388. consulté le 22 octobre 2017.

Droits d’auteur

Creative Commons by-nc-sa

Creative Commons by-nc-sa 
  • Revues.org