Navigation – Plan du site
Annuaire de sites
Véronique Ginouvès

La memoria digitale della Sardegna

Notice créée le 07/02/2010, Notice révisée le 18/12/2010
la-memoria-digitale-della-sardegna

La bibliothèque numérique de la Sardaigne (Digital Library della Regione Sardegna) propose des millers de ressources documentaires liés à la Sardaigne. Un formulaire de recherche rapide vous permet de retrouver les documents. Vous pouvez également faire des recherches par champ (titre auteur, lieu, éditeur) ou par type de document (textes, films, images, enregistrements sonores et vidéos). Il est possible de feuilleter le site par thèmes : environnement et territoire, archéologie, architecture, art, artisanat, économie et société, cartographie, oenologie et gastronomie, évènements, flore et faune, littérature, lieux de culture, spectacle, histoire et tradition.  Enfin vous pouvez déplacer à travers les collections et les fonds présentés : la collection cartographique (176 cartes en ligne ainsi de nombreuses cartes aériennes), la collection Luigi Cocco, la collection Colombinin (photographies de 1905), le fonds Bentzon (photographies des années 1960), le fonds Costa (photographies des années 1930), le fonds Pili (photographies du début du 20e siècle), le fonds Pirari (photographies du début du siècle de la région d'Oliena), la collecte Ilisso (2367 photographies) et le fonds de la bilbiothèque régionale de Sardaigne.

Les documents mis en ligne sont diffusés sous licence Creative Commons. Le site a été réalisé dans le cadre d'un financement européen. Il est en langue italienne.

Derniers articles

S’abonner à ce flux
  • > Messaggero Sardo Magazine : 059

    Il Messaggero Sardo Magazine intende valorizzare la cultura isolana e le esperienze di alcuni sardi che, anche dopo essere emigrati, conservano tuttora un forte legame con la propria terra d'origine.Il filmato celebra e ricorda la giornata della liberazione dal nazifascismo attraverso i ricordi di Dario Porcheddu, presidente dei partigiani sardi, e attraverso la rievocazione della figura del partigiano Piero Borrotzu, sacrificatosi giovanissimo il 5 aprile 1944 per salvare l'intero paese di ...

  • > Settimana Santa a Iglesias

    Durante un'intera settimana i vari cortei che rappresentano la Passione, la morte e la resurrezione di Cristo, si snodano nel centro storico di Iglesias tra ali commosse di fedeli.

  • > Olzai: intreccio delle palme

    Documentazione delle tecniche dell'intreccio delle palme pasquali a Olzai (Barbagia di Ollolai). Viene descritta la preparazione delle palme ad opera di un gruppo di donne del paese che, secondo precisi schemi compositivi, con le dita intrecciano le lacinie, ottenendo un'ampia varietà di forme e figure. A fine lavorazione, per rallentare il rinsecchimento, i gambi delle palme intrecciate vengono immersi in recipienti d'acqua.

  • > Sardegna isola parco

    Il documentario mostra alcune tra le più suggestive località dell'isola tra meraviglie naturali e antichissime creazioni dell'uomo. Il Parco del Gennargentu, colto durante la stagione primaverile e nel corso del freddo inverno imbiancato dalle abbondanti nevicate, il maestoso canyon di Gorroppu con le sue alte pareti rocciose, e la gola di Tiscali con il suo villaggio nuragico. L'autore esplora i caratteristici tratti costieri tra i più belli del Mediterraneo, le cale e i fondali marini., le...

  • > Incontro con Maria Carta

    In questo filmato del 1972, Maria Carta, nata a Siligo il 24 giugno del 1934 e morta a Roma il 22 settembre 1994, considerata una fra le voci più belle del panorama musicale folkloristico e un'artista fra i più dotati della Sardegna, interagisce con la recitazione di Riccardo Cucciolla. Maria Carta recita versi e canta canzoni della tradizione sarda e veicola nella sua arte le linee essenziali dell'identità e dell'arte sarda.

  • > Sa Bidda Nosta. Is traditzionis de Biddaspitziosa. II parte

    Il documentario "Sa Bidda Nosta" è il risultato di un lungo studio, realizzato all'interno del progetto "Riscopriamo le nostre tradizioni", mirato a valorizzare le usanze, i costumi e la lingua di Vilaspeciosa. Immagini odierne e di repertorio, supportate dalle interviste ad alcuni fra i membri della comunità, conducono lo spettatore in un viaggio all'interno della memoria storica del paese.

  • > Intintos - Immagini del carnevale di Olzai

    a Olzai e in alcuni altri paesi della Barbagia l'ultimo giorno di Carnevale si svolge il Mercoledì delle Ceneri.Della giornata che nella tradizione liturgica cattolica è caratterizzata dalla cerimonia del memento mori, può essere letto un richiamo nelle azioni di imbrattamento con fuliggine delle facce della gente effettuate dalle maschere.Per il resto gli avvenimenti si susseguono secondo i canoni ben noti del processo e condanna di Carnevale: il fantoccio di Juvanne Martis responsabile de...

  • > Sartiglia

    Durante l'ultima domenica e l'ultimo martedì di carnevale Oristano ospita la Sartiglia, evento ormai di fama internazionale. Protagonista di queste giornate è la corsa dei cavalli, che rievoca le antiche giostre equestri medievali spagnole. Il suo nome deriva dal castigliano "sortija", forma lessicale a sua volta proveniente da un termine latino che significa "sortilegio", "amuleto". La festa è organizzata dai gremi, o corporazioni artigiane, degli agricoltori e falegnami ed è cadenzata da fa...

  • > I Merdules di Ottana

    Di grande interesse storico e demo-antropologico, il documentario mostra l'esibizione di Boes e Merdules di Ottana, culminante nel ballo tondo insieme alle altre maschere.Le riprese del documentario furono effettuate durante il Carnevale del 1957. Il documentario “Maschere di paese”, da cui è tratto l’episodio di Ottana, ottenne il 1° Premio alla III Rassegna nazionale del film turistico di Venezia nel 1964.

  • > 1

    "Su Battileddu" di Lula è una delle maschere del Centro Sardegna scomparse negli anni Cinquanta e riscoperte relativamente da poco. Il personaggio centrale, su Battileddu, è di grande impatto: vestito di pelli, il volto tinto di nero, grandi corna di caprone fissate sulla testa e un rumine di pecora capovolto che porta penzoloni alla cintura. E' lui la vittima sacrificale del carnevale. Intorno si muovono figure maschili e femminili, tutte rigorosamente col volto coperto di fuliggine e vestit...

Pour citer cet article

Référence électronique

Véronique Ginouvès, « La memoria digitale della Sardegna », Aldébaran, Collections numériques, [En ligne], mis en ligne le 07 février 2010 17h51. URL : http://aldebaran.revues.org/6388. consulté le 25 avril 2017.

Droits d’auteur

Creative Commons by-nc-sa

Creative Commons by-nc-sa 
  • Revues.org