Navigation – Plan du site
Annuaire de sites
Erica Filippini et Marion Lamé

Roman Provincial Coinage Online

Notice créée le 27/01/2012, Notice révisée le 27/01/2012
roman-provincial-coinage-online

Allo stato attuale (ultima verifica, 11 gennaio 2012), la banca dati del progetto RPC Online registra le schede descrittive di 13.729 emissioni, repertoriate tramite il censimento di oltre 46.725 monete (con inserimento delle immagini digitali di 9.061 esemplari), basato sulla schedatura del materiale conservato presso le principali collezioni e raccolte numismatiche di ambito internazionale (cfr. tabella Core collections : Londra, British Museum; Parigi, Bibliothèque nationale de France; Berlino, Staatliche Museen; etc.).

 

Le richieste di interrogazione, agevolate dalla predisposizione di maschere di ricerca di tipo diverso, (quick search, identification search, iconographic search, advanced search), restituiscono i risultati sotto forma di schede di sintesi, con rimando alle schede di descrizione dettagliata delle emissioni tramite il numero temporaneo di identificazione di ciascun record. I parametri di interrogazione prevedono di default la restituzione di record con immagini.

 

  • Quick search: form di ricerca semplice con immissione di uno o più valori relativi alle zecche di emissione (mints), alla denominazione delle province romane e delle regioni antiche di riferimento per le località sedi di zecca (provinces, regions), ai personaggi maschili e femminili della famiglia imperiale titolari delle coniazioni (emperors and empresses), ad eventuali magistrati locali attestati epigraficamente dalle emissioni monetali (magistrates), alle rappresentazioni figurative delle monete (coin designs), ai metalli utilizzati per la coniazione (metals) o al numero temporaneo di identificazione di ciascun record (temporary number), senza inserimento di operatori logici tra i termini.

  • Identification search: modulo di ricerca per il recupero delle informazioni attraverso l’interrogazione di alcuni campi specifici ritenuti più significativi per l’identificazione delle emissioni monetali: zecca di emissione (“city”), iconografie di dritto e di rovescio (“obverse design” e “reverse design”), legenda di rovescio (“reverse inscription”), composizione metallica (“metal”) e diametro approssimativo (“approx. diameter”).

  • Iconographic search: un formato per la ricerca tramite motivo figurativo principale di dritto o di rovescio, composto da un unico campo (“design group”) con pulsanti di opzione relativi a categorie tipologiche diverse (animals, architecture, deities/personifications, games, heroes/famous persons, imperial family e objects).

  • Advanced search: maschera di ricerca completa di tutti i campi strutturati, raggruppati in una serie successiva di pannelli relativi alla localizzazione geografica delle zecche (location of mint), alla datazione delle emissioni (date), all’indicazione eventuale di magistrati locali responsabili delle coniazioni (magistrate),  alle caratteristiche dei tipi di dritto e di rovescio (design and inscriptions), alle proprietà fisiche e pondometriche (physichal characteristics) e ai riferimenti a cataloghi numismatici e a studi specifici per il confronto delle tipologie monetali (reference).

 

Complessivamente, l’impostazione delle istanze di ricerca è facilitata dalla definizione di campi di tipo diverso (liste a discesa, pulsanti di opzione, caselle di controllo, etc.) associati ad elenchi di termini e valori predefiniti e dalla predisposizione di una tastiera virtuale a comparsa (HaNDu6ujdOXKX3_-oU0HFKt7w9hKp1Y6EQbrW8QZidentification e di advanced search, funzionale al recupero dei record tramite ricerca per iscrizione monetale.

 

Le schede di descrizione dettagliata di ciascuna emissione monetale, spesso corredate dalla visualizzazione (a media, alta e piena risoluzione) delle immagini digitali di uno o più esemplari specifici, raccolgono informazioni di carattere identificativo riguardanti la localizzazione geografica della zecca di produzione, l’attribuzione cronologica e il riconoscimento dell’autorità locale responsabile della coniazione. Seguono alcuni campi relativi alla descrizione dei tipi di dritto e di rovescio (con individuazione dei motivi iconografici e trascrizione delle legende monetali), alla definizione delle caratteristiche fisiche e pondometriche (metallo, peso e diametro) e all’indicazione dei riferimenti bibliografici.

 

Gli strumenti aggiuntivi includono una serie di tutorial relativi ad alcune delle modalità di interrogazione (identification, iconographic e advanced search), con esempi di impostazione di istanze di tipo diverso, e alcune facilities accessibili attraverso la sezione Coin Database, tra cui un carrello per il recupero immediato dei record di interesse specifico, l’elenco completo delle abbreviazioni bibliografiche utilizzate nelle schede descrittive, un modulo per la proposta eventuale di tipologie monetali non ancora censite dal database e un formato per la segnalazione di eventuali errori.

 

Altre sezioni del sito web raccolgono contenuti e informazioni integrative utili all’identificazione e alla lettura corretta delle emissioni registrate dal database:

sezione Introduction : definizione delle caratteristiche peculiari della monetazione romana di produzione provinciale;

sezione Imperial Family : brevi profili biografici dei personaggi della famiglia imperiale attestati dalle coniazioni monetali;

sezione Maps : carte geografiche sensibili e statiche con localizzazione dei centri di produzione (zecche).

 

Per quanto riguarda il livello di accessibilità del sito (cfr. Accessibility statement), complessivamente elevato, è comunque necessario segnalare come l’utilizzo di determinate tecnologie proprietarie possa impedire la fruizione di alcune risorse da parte di categorie specifiche di utenti. Ad esempio, per quanto riguarda la realizzazione delle mappe sensibili, si rileva come l’impiego della tecnologia proprietaria Adobe Flash, difficilmente compatibile con i principali strumenti assisitivi di navigazione, possa precludere l’utilizzo delle carte interattive agli utenti ipovedenti, mentre le mappe statiche, corredate di metadati descrittivi nel codice html (tag <alt>), risultano accessibili ai software text-to-speech.

 

Dal punto di vista strettamente informatico, sembra opportuno rilevare come la scelta di un software DBMS di tipo proprietario (Microsoft Access) possa eventualmente costituire un fattore di impedimento per l’interscambio di informazioni (interoperabilità) con altre banche dati, funzionale alla condivisione di metadati comuni. In aggiunta, al momento attuale, il database RPC Online non prevede alcuna opzione per l’estrazione dei dati secondo formati riutilizzabili da sistemi informatici diversi. I risultati possono essere copiati e incollati in formato testuale, mentre le immagini possono essere salvate in formato .jpg ad alta risoluzione. A livello di localizzazione in rete, i record sono tuttora sprovvisti di identificatori univoci. Nel complesso, il sito web risulta comunque concepito accuratamente, sia per le modalità di navigazione sia per l’organizzazione e la completezza delle informazioni fornite.

 

Il progetto Roman Provincial Coinage in the Antonine Period, intrapreso dall’Ashmolean Museum di Oxford, si inserisce nell’ambito del programma di ricerca consorziato Roman Provincial Coinage (RPC), finalizzato alla redazione e alla pubblicazione a stampa di un corpus complessivo delle emissioni monetali di produzione romana provinciale coniate tra la morte di Cesare e l’impero di Diocleziano (44 a.C.-305 d.C.).

A questo proposito, lo svolgimento del progetto Roman Provincial Coinage in the Antonine Period, funzionale alla  realizzazione del quarto volume a stampa del Roman Provincial Coinage, secondo il piano generale dell’opera, ha comportato la creazione di un database fruibile online.

 

Il database, basato sulla raccolta sistematica delle monete romane imperiali di coniazione provinciale emesse durante il periodo antonino (138-192 d.C.), si configura come risorsa informatica di supporto e di utilizzo imprescindibile per lo studio della monetazione provinciale di età antonina, contraddistinta da un livello elevato di qualità scientifica, garantita dal prestigio delle istituzioni coinvolte nella realizzazione del progetto stesso.

 

Il sito web RPC Online è curato da Christopher Howgego (University of Oxford; Ashmolean Museum of Art and Archaeology) e da Volker Heuchert (Ashmolean Museum of Art and Archaeology). La risorsa, ospitata presso un web server dell’Università di Oxford, è accessibile in rete a partire dal 2005.

 

Il sito è in lingua inglese.

Pour citer cet article

Référence électronique

Erica Filippini et Marion Lamé, « Roman Provincial Coinage Online », Aldébaran, Portails thématiques, [En ligne], mis en ligne le 27 janvier 2012 15h01. URL : http://aldebaran.revues.org/6918. consulté le 20 septembre 2017.

Droits d’auteur

Creative Commons by-nc-sa

Creative Commons by-nc-sa 
  • Revues.org